motonave s.Andrea

Le novità “conquistate” dal Comitato Pendolari per l’orario invernale

Dal 2 novembre in vigore il nuovo orario stagionale 2016/2017

giovedì 20 ottobre 2016 · Territorio e Ambiente · di: Redazione
condividi:
  • 20.10.2016 · Territorio e Ambiente · di: Redazione
    condividi:
  • Il 2 novembre prossimo entrerà in vigore l’orario invernale 2016/2017 e, a seguito dell’incontro svoltosi oggi in municipio con i rappresentanti dell’amministrazione comunale e dell’Actv, il Comitato Pendolari di Cavallino-Treporti, rappresentato dal presidente Roberto e Rossi e da Samuele Ghezzo, rispetto allo scorso anno ha ottenuto quanto segue:

    - sostituzione del “vecchio” battello foraneo delle 15:15 dalla Pietà con una motonave;


    - conferma della presenza della motonave dalla Pietà alle 13:15, che sembrava essere messa in discussione;

    - riproposta la sperimentazione per una decina di giorni sulla linea 22 alle ore 7:30, di un mezzo ad agente unico con 40 posti di capacità in aggiunta al battello foraneo (in pratica un bis);


    - creazione di una nuova corsa ad agente unico in fase sperimentale per il mese di novembre alle 05:15 da Punta Sabbioni diretto a Pietà (corsa che non sarà indicata nella tabella degli orari); 


    - posticipazione di dieci minuti della corsa delle 05:05 da Pietà che partirà alle 05:15.


    Per quanto riguarda tutti gli altri servizi, Actv ha assicurato che sarà confermata la tabella degli orari della scorsa stagione invernale (che già aveva subito, ricordiamolo, alcuni tagli).

    “Lanciamo un appello a tutti i pendolari e utenti – sottolinea Ghezzo – affinché in particolare i servizi sperimentali vengano utilizzati e richiesti, in modo che siano confermati e non si offra alcun motivo ad Actv per toglierli. Un discorso che vale in particolare per il bis delle 7:30 sulla linea 22: l’anno scorso si rivelò una specie di “battello fantasma” perché rimaneva in attesa al largo senza che i pontonieri confermassero la sua piena disponibilità e così studenti e lavoratori si accalcavano sul battello foraneo per paura di rimanere a terra. Questo non deve più succedere, perché è noto che a quell’ora il servizio necessita sicuramente di un rinforzo: sarebbe preferibile che ad attraccare prima fosse il bis ad agente unico e poi il più capiente foraneo”.

    “Riguardo ai lavori al terminal di Punta Sabbioni – precisa il presidente Rossi – ci è stato comunicato che lunedì 7 novembre dovrebbero iniziare i lavori di riorganizzazione degli accessi, con una nuova uscita vicina al pontile di attracco del  ferryboat e nuove sale d’attesa anche per gli utenti dotati di accesso prioritario”.

    altre notizie

    Rubriche

    Altre Notizie di questo argomento