disostruzione pediatrica

Un bambino ingoia un oggetto? La Croce Rossa in quattro lezioni spiega cosa fare

Su iniziativa del gruppo “Spazio mamme 0-3 anni di Cavallino Treporti”, si tengono nel litorale dei corsi per imparare correttamente la disostruzione delle vie aeree in età pediatrica e neonatale

martedì 18 febbraio 2014 · Sanità e Sociale · di: Redazione
condividi:
  • 18.02.2014 · Sanità e Sociale · di: Redazione
    condividi:
  • La cronaca sempre più spesso ci informa di tragedie consumate tra le mura domestiche che riguardano bambini che perdono la vita a causa di ostruzioni da corpo estraneo: cibo, caramelle, palline di gomma, giochi, ecc. In base ai dati del 2007 della Società Italiana di Pediatria, ogni anno in Italia il 27 per cento dei decessi accidentali dei bambini è dovuto al soffocamento da corpo estraneo.

    Purtroppo, per quanto riguarda il primo intervento pediatrico, esiste un drammatico vuoto formativo della popolazione, al quale la Croce Rossa Italiana cerca di porre rimedio promuovendo, tra medici e infermieri, ma anche tra maestre, insegnanti, allenatori, baby sitter, genitori, bagnini, ecc., iniziative atte a di diffondere le linee guida sulla disostruzione pediatrica e sulle manovre accessorie di rianimazione cardiopolmonare a esse collegate.

    Chi assiste un bambino nei primi drammatici momenti dell’incidente, molto spesso non ha conoscenza di come si eseguono le manovre corrette, provocando conseguenze disastrose. Il soccorritore impreparato, per esempio, prende per i piedi il bambino che sta soffocando o peggio ancora gli mette le dita in bocca: ma solitamente non sono queste le manovre salvavita.

    Allora cosa fare? La cosa migliore è seguire un corso e a tal proposito i genitori del gruppo autogestito “Spazio mamme 0-3 anni di Cavallino Treporti” hanno richiesto al Comitato della Croce Rossa di San Donà di Piave di tenere delle lezioni teoriche e pratiche sulla disostruzione delle vie aeree in età pediatrica e neonatale. Si tratta di un semplice corso di 4 ore tenuto da istruttori della CRI, medici, infermieri e altre persone che hanno a loro volta seguito un’attività formativa nell’ambito del Progetto di Disostruzione delle vie Aeree in età pediatrica organizzato dalla Croce Rossa Italiana a livello nazionale.

    Dal 2013 sono stati effettuati ben 4 corsi a Cavallino-Treporti, che hanno visto la partecipazione di  circa 80 residenti, tra cui molti genitori, nonni, zii, baby-sitter, animatrici e alcune insegnanti. Tutti  hanno potuto provare le manovre su sofisticati manichini di neonati e bambini, dotati di uno speciale presidio che simula perfettamente la situazione di un “corpo estraneo conficcato in gola”: se la manovra viene praticata correttamente, il manichino espelle il corpo estraneo, consentendo così al corsista di imparare e acquisire sicurezza nella procedura da svolgere.

    Grazie alla collaborazione volontaria delle mamme di “Spazio Mamme 0-3” che hanno organizzato il corso, dell'Hotel Ca'di Valle e Junior e della delegazione di Cavallino-Treporti di Confcommercio che hanno prestato le sale, un buon numero di abitanti del litorale sanno ora come intervenire nei casi di soffocamento.

    Per maggiori informazioni è possibile contattare il gruppo “Spazio Mamme 0-3” tutti i martedì pomeriggio, dalle 14.30 alle 18.00, presso il Centro Polivalente di Ca’Savio oppure via mail all’indirizzo sariky@msn.com.

    altre notizie

    Rubriche

    Altre Notizie di questo argomento