serata albanese

Una serata tutta Albanese

Volentieri pubblichiamo il resoconto dell’iniziativa svoltasi domenica scorsa, inviatoci dall’Associazione Editoriale Unicorn

giovedì 19 dicembre 2013 · Eventi e Cultura · di: Redazione
condividi:
  • 19.12.2013 · Eventi e Cultura · di: Redazione
    condividi:
  • Domenica 15 dicembre si è svolta con successo la “Serata Albanese” organizzata dall’Associazione Editoriale Unicorn, che ha sede a Cavallino-Treporti, sotto il patrocinio del Comune di Cavallino Treporti, della Provincia di Venezia e dell’Istituto Comprensivo “D. Manin”.

    La manifestazione, che ha avuto un largo consenso di pubblico anche di origine albanese e kossovara, è iniziata con l’intervento del Presidente dell’Associazione organizzatrice, Arch. Giacomo Rigutto, il quale dopo i saluti di rito ha illustrato alcuni eventi in programma per il 2014. 

    È seguita la presentazione del nuovo romanzo “SporcoNatale” di Gianfranco Pereno, artista e scrittore residente a Lio Grando, curata da Fabio Michieli e la cui trama si sviluppa partendo dalla ben nota tradizione ancora in essere in alcuni villaggi albanesi: il kanun.

    Ilir Ibrahimi, il rappresentante della comunità albanese insediata e integrata nel nord est del Veneto, è intervenuto per parlare delle nuove tendenze artistiche e culturali di scrittori, poeti e musicisti albanesi attualmente residenti in Italia. Tra questi il pianista e compositore Aleksander Gashi, che attualmente vive a Roma e al quale è stata conferita la cittadinanza italiana per meriti artistici. Sono stati menzionati, inoltre: Gëzim Hajdari, poeta bilingue, candidato al premio Nobel, che vive come esule in Italia; Anilda Ibrahimi, scrittrice e giornalista che vive a Roma; Arthur Spanjolli, scultore e poeta vive a Firenze; Anila Hanxari, poetessa che vive a Lanciano (Chieti).

    Prima della proiezione del film “Ballkan Bazar”, il regista Edmond Budina ha arricchito la serata illustrando le motivazioni culturali e religiose che lo hanno spinto a realizzarlo. È seguito un vivace dibattito tra il regista e il pubblico, soprattutto con giovani studenti albanesi residenti nel territorio, che hanno voluto approfondire argomenti riguardanti le origini culturali dei loro nonni e dei loro genitori.

    La serata si è conclusa con un brindisi e un buffet offerto dalla Locanda Zanella, durante il quale i partecipanti hanno voluto condividere tra loro le emozioni stimolate dalla trama del film e dal dibattito.

    Il prossimo evento, previsto nel mese di gennaio 2014, ci porterà nel Medio Oriente. Assaporando il cibo e la cultura iraniana, avremo il piacere di ascoltare brani di musica persiana antica con la partecipazione di tre musicisti iraniani.

    altre notizie

    Rubriche

    Altre Notizie di questo argomento