IMG 0457

Continua il viaggio culturale di Unicorn. Seconda tappa: l’Iran

Abile interpretazione della Locanda Zanella dei gusti e dei sapori della Serenissima e dell’Antica Persia

lunedì 10 febbraio 2014 · Eventi e Cultura · di: Redazione
condividi:
  • 10.02.2014 · Eventi e Cultura · di: Redazione
    condividi:
  • Continua il viaggio dell’Associazione Culturale Editoriale Unicorn tra Paesi e popoli del mondo. Dopo la “Serata Albanese” dello scorso 15 dicembre a Ca’Savio, è stata la volta, venerdì scorso, dell’Iran, protagonista dell’incontro culturale ed enogastronomico alla Locanda Zanella a Treporti, suggestivamente intitolato “La Serenissima incontra l’Antica Persia”.

    Terra lontana ma tutt’altro che sconosciuta ai veneziani, che sin dai tempi della Serenissima la attraversavano percorrendo la famosa Via della Seta, rivisitata oggi grazie all’iniziativa di Unicorn, in collaborazione con la Casa della Cultura Iraniana onlus, ma soprattutto all’abilità culinaria di Marco, Luca, Renzo Mavaracchio, all’ospitalità dell’intero staff del ristorante treportino e ai brani musicali interpretati con antichi strumenti di luoghi ricchi di storia e di fascino.  

    Alla torta de herbe veneziana è seguita la kuku-ye panir persiana, alla quale la Serenissima ha opposto la sua stuffà molto breve perfettissima (ricetta veneziana del XIV secolo: gallina ruspante, lardo, latte di mandorle, agresto, zenzero, datteri e zafferano). Ma i persiani hanno voluto pareggiare il colpo con il khoroshe kedu halvai (intingolo a base di carne, zucca, yogurt, menta e spezie).

    I piatti serviti e accompagnati dal vin spessià (vino rosso speziato), sono stati sapientemente descritti da Reza Rashidy, autore di “Mi racconto…ti racconto", interessante libro che raccoglie e racconta storie di migranti.

    I tre musicisti, Fuad Ahmadvand, Yalda Keramati e Said Chavoshbaran, hanno inondato la sala col suono celestiale del santur e le percussioni del daf e del tanbur, proponendo brani di musica classica e ninne nanne risalenti alla corte Sasanide: l’ultima dinastia prima della conquista islamica.

    Una serata all’insegna dell’amicizia tra popoli e dello scambio culturale, impreziosita dall’intervento del professor Mauro Ferrari, docente di Analisi e Programmazione delle Politiche Sociali all’università di Cà Foscari, che ha sottolineato come il trasferimento  degli uomini nei diversi angoli del pianeta sia anche migrazioni di sapori, di tradizioni e di culture.

    E il viaggio continua…

    Massimo Medoro

    altre notizie

    Rubriche

    Altre Notizie di questo argomento