Ferry Boat

Utenti del Ferry Boat lasciati a terra dall’Actv a Punta Sabbioni

Angelo Zanella: “Un danno alle nostre ditte locali, un disservizio inaccettabile. Il Comune intervenga”

lunedì 23 dicembre 2013 · Economia · di: Redazione
condividi:
  • 23.12.2013 · Economia · di: Redazione
    condividi:
  • “E’ inaccettabile il modo con il quale l’Actv tratta gli utenti dei servizi di trasporto pubblico del litorale. L’ennesimo, vergognoso episodio è accaduto questa mattina: alcuni nostri concittadini si sono recati a Punta Sabbioni per imbarcarsi con i loro mezzi sul ferry boat delle ore 7.20 diretto al Lido. Hanno pagato il biglietto, avendo così implicitamente la conferma che il servizio c’era, ma sono stati lasciati a terra. Anzi, peggio ancora: in un primo tempo era stato comunicato che, a causa di un’avaria, il ferry sarebbe arrivato in ritardo, ma dopo un’ora di paziente attesa è arrivata la conferma di quello che tutti temevano: corsa annullata, arrivederci e grazie”.

    E’ il consigliere della Lista Civica Cavallino-Treporti, Angelo Zanella, a farsi interprete della legittima rabbia dei nostri pendolari, le cui accorate proteste sono apparse anche nella Rete, per i pesanti disservizi che negli ultimi tempi si verificano nel collegamento con Ferry Boat tra Punta Sabbioni e il Lido di Venezia.

    “Gli utenti di questa linea – prosegue Zanella – sono quasi esclusivamente artigiani e piccoli imprenditori della nostra zona che, a causa di questo sciagurato modo di comportarsi dell’azienda, subiscono danni notevoli alla loro attività e perdite economiche che qualcuno dovrebbe risarcire. Non stiamo parlando di turisti che, alla peggio subiscono un disagio che sarebbe sempre e comunque preferibile evitare, qui stiamo parlando di gente che lavora, che deve guadagnarsi la giornata, che deve pagare dipendenti, che ha l’obbligo di consegnare materiali! La situazione, poi, è ancora più delicata in questo periodo, perché chi doveva completare un lavoro o una consegna prima di Natale dovrà rinviarlo a dopo le feste”.

    “Sindaco e assessore, Orazio & Orazio, facciano sentire la voce del Comune – conclude Zanella –, intervengano nei confronti dell’Actv per impedire il ripetersi di questi fatti, chiedano più rispetto per Cavallino-Treporti e i suoi cittadini”.

    altre notizie

    Rubriche

    Altre Notizie di questo argomento