Il contentino dell’Actv: propone il ripristino solo di due delle tredici corse tagliate

Sindaco e assessore avevano promesso che tutto sarebbe tornato come prima. Ma non sarà così

venerdì 25 aprile 2014 · Dal Municipio · di: Redazione
condividi:
  • 25.04.2014 · Dal Municipio · di: Redazione
    condividi:
  • Dopo aver tagliato il primo aprile scorso ben tredici diretti della linea 15, l’Actv si è presentata in Comune di Cavallino-Treporti concedendo come disponibilità massima, se tutto va bene, a partire da giugno, il ripristino di solo due corse.

    E’ questo il deludente esito dell’incontro svoltosi in commissione consiliare giovedì 24 aprile con il direttore generale dell’Actv, Nicola Catozzo e Gianluca Cuzzolin, responsabile dei servizi di navigazione. 

    E pensare che nei giorni scorsi, dopo la figuraccia di essersi trovati del tutto impreparati al cambio di orari attuato dall’Azienda, sindaco e assessore ai trasporti, Orazio & Orazio, avevano dichiarato alla stampa di aver convocato i vertici dell’Actv per chiedere la riattivazione delle corse cancellate: prima sono stati ignorati e adesso non vengono ascoltati, cosicché  a rimetterci sono i pendolari che dovranno consolarsi con questo contentino.

    In pratica i diretti che l’Actv si è detta disposta a reintrodurre sono due: quello in partenza da Punta Sabbioni alle ore 7:59 (e per realizzare questa corsa prevede di anticipare di circa 5 minuti quella delle 6:59, che partirà così da Punta Sabbioni alle 6:55) e quello in partenza da Venezia alle 18:44.

    I consiglieri Angelo Zanella, Erminio Vanin e Francesco Chiaranda sono decisi a mantenere la mozione con la quale chiedono che sia garantito il servizio dello scorso anno ma soprattutto che non venga messa in discussione la logica che aveva portato a un potenziamento e a una velocizzazione dei collegamenti tra il litorale, Venezia e il Lido.

    “E’ stato davvero frustrante constatare una così limitata disponibilità dell’Actv al ripristino dei collegamenti diretti – commenta Angelo Zanella –. Invece di progredire, ora viene di fatto messa in discussione la separazione delle linee per il Lido e per Venezia, che era alla base della riorganizzazione dei collegamenti.

    “E’ passato già un mese dai tagli – prosegue il consigliere della Lista Civica – e prima che siano apportate queste minimali aggiunte, i nostri pendolari dovranno forse attendere fino a giugno. Eppure, per Actv dismettere i collegamenti da Punta Sabbioni significa rinunciare a servizi produttivi che potrebbero incidere sul bilancio aziendale. Se non è miopia questa…”.

    Lunedì prossimo la Commissione Comunale si esprimerà sulla misera proposta di Actv.

    altre notizie

    Rubriche

    Altre Notizie di questo argomento